Lactobacillus Sakei: probiotici per perdere peso

You are currently viewing Lactobacillus Sakei: probiotici per perdere peso

Desideri ricevere tutti gli aggiornamenti sui probiotici per il dimagrimento?

Lascia la tua mail, ti invierò solo le novità più interessanti

Il tasso di obesità negli ultimi anni è in continuo aumento: già nel 2006 è stato identificato un nesso tra obesità e microbiota intestinale, motivo per cui stanno aumentando in modo rilevante gli studi che valutano l’integrazione di probiotici per perdere peso.

Nello studio in esame si è valutato se l’utilizzo Lactobacillus sakei (CJLS03) possa essere considerato un probiotico utile per perdere peso.

Il Lactobacillus sakei è un batterio che viene utilizzato per fermentare la carne e per produrre il “kimchi”, un cibo tipico della tradizione Coreana: presenta effetti benefici grazie alla sua capacità di inibire la crescita di batteri patogeni e di aumentare la sintesi di citochine anti-infiammatorie. Già in uno studio sui topi era stata valutata l’efficacia di questo probiotico per perdere peso e si erano ottenuti risultati soddisfacenti per quanto riguarda la variazione di peso e massa grassa dopo 8 settimane di utilizzo.

Visti i risultati incoraggianti sui modelli animali, si è deciso di testare l’utilizzo in un campione di oltre 100 individui, donne e uomini.

Ai soggetti in esame, in sovrappeso, è stato consigliato di fare tre volte alla settimana un allenamento di almeno trenta minuti e di consumare cibo sano, senza fornire ulteriori indicazioni.

I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi e solo ad uno è stato somministrato il probiotico Lactobacillus Sakei.

Dopo 12 settimane di integrazione con L.sakei si è ottenuta una diminuzione di peso (-0,3kg), circonferenza vita (-0,6 cm) e grasso corporeo (-0.2kg) nel gruppo trattato e un aumento nel gruppo placebo. La variazione dei differenti parametri analizzati non è stata così rilevante.

Nonostante i risultati dimostrino che Lactobacillus Sakei possa essere utilizzato come probiotico per perdere peso, la riduzione del grasso corporeo che si era ottenuta sui topi, non è stata così significativa ed elevata nello studio in esame. 

Ricorda però, è sempre importante non basarsi unicamente sui risultati ottenuti dagli studi basati su modelli animali per trarre conclusioni generali sulla popolazione umana.

Rispetto ai topi, ci sono moltissimi fattori interindividuali che possono influenzare l’esito negli umani, tra cui: microbiota intestinale, età, dieta, uso di antibiotici, fattori genetici e ambientali.  

In conclusione, l’utilizzo del probiotico  L. sakei per perdere peso potrebbe essere un possibile candidato per il trattamento e la prevenzione dell’obesità

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per valutare se l’integrazione con L.sakei porti a una variazione del microbiota intestinale e se i risultati vengano mantenuti nel tempo. Sarebbe interessante valutare anche l’esito dei vari parametri analizzati (peso, grasso corporeo e circonferenza vita) per un tempo di somministrazione maggiore (oltre le 12 settimane). 

Bibliografia: Lim S, Moon JH, Shin CM, Jeong D, Kim B. Effect of Lactobacillus sakei, a probiotic derived from Kimchi, on Body Fat in Koreans with Obesity: A Randomized

Controlled Study. Endocrinol Metab (Seoul). 2020 Jun;35(2):425-434. doi:10.3803/EnM.2020.35.2.425

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Dott. Guido Ambria
Dott. Guido Ambria

Biologo Nutrizionista e Farmacista. Sono specializzato in disturbi intestinali, microbiota, intolleranze alimentari e dieta chetogenica. Appassionato di Sport , mi occupo anche di Nutrizione per sportivi.

Tutti gli articoli

Contattami

Per fissare una visita o per avere maggiori informazioni: