Richiedi una consulenza! Telefona 392.1478577 | ⇒ info@guidoambria.com
La sindrome metabolica

La sindrome metabolica

Cos’è e quali sono i fattori identificativi?

La sindrome metabolica, anche chiamata sindrome dell´obesità, sindrome da insulinoresistenza, CHAOS, sindrome X non fa riferimento a un’unica patologia, ma a un insieme di fattori di rischio correlati all´aumento della possibilità di sviluppare patologie cardiovascolari, endocrinologiche, neurologiche ecc…

Questa sindrome porta ad avere un rischio due volte maggiore di sviluppare malattie cardiache e cinque volte maggiore di sviluppare il diabete. Perciò deve essere interpretata come la soglia massima di allerta, un segnale a cui prestare molta attenzione per evitare seri problemi futuri.

La sindrome metabolica si verifica quando una persona manifesta almeno tre delle seguenti alterazioni:

  • Obesità addominale: giro vita superiore a 102 cm negli uomini e a 88 cm nelle femmine. Un soggetto viene considerato obeso quando presenta un indice di massa corporea (BMI) superiore a 30
  • Ipertensione arteriosa: pressione arteriosa superiore a 130/85 mmHg.
  • Trigliceridi ematici elevati: livelli superiori a 150 mg/dl.
  • Ipercolesterolemia: colesterolo HDL inferiore a 40 mg/dl nell´uomo e a 50 mg/dl nelle donne.
  • Alterata regolazione della glicemia o prediabete: glicemia a digiuno superiore a 110 mg/dl

Le cause che favoriscono la sindrome metabolica sono tutte correlate tra loro, ed il sovrappeso/ l´obesità è la principale, soprattutto se si è sovrappeso in giovane età. Praticare un´alimentazione non equilibrata, che preferisca zuccheri semplice e grassi saturi, fumare, consumare regolarmente alcol e avere uno stile di vita sedentario sono grandi contribuenti al suo sviluppo.

Alcuni fattori come età, razza, familiarità per l’obesità, diabete tipo 2, diabete gestazionale, malattie cardiovascolari, sindrome dell´ovaio policistico, cancro, ecc. sono fattori di rischio che devono essere tenuti in considerazione.

A parte i segni diagnostici segnalati prima, questa sindrome non provoca sintomi come tale, anzi, questi pazienti spesso affermano di “sentirsi bene”. Purtroppo, i processi infiammatori e degenerativi di questa sindrome sono silenti, provocando sintomatologia quando ormai è in fase avanzata.

 

La prevenzione prima di tutto

La prevenzione in questi casi è di fondamentale importanza per evitare malattie croniche e complicazioni future. Un dimagrimento sano associato ad attività fisica aiuta alle persone a prevenire e curare la malattia.

La prima cosa da fare è modificare radicalmente le proprie abitudini alimentari attraverso la riduzione di carboidrati semplici raffinati, grassi saturi e trans, e cibi ricchi di sodio, e l´aumento del consumo di frutta e verdura, fibre integrali, proteine vegetali e animali magre, grassi insaturi come gli Omega-3, cibi ricchi in vitamine, minerali e molta acqua.

Diversi studi hanno dimostrato che la sindrome metabolica può regredire sfruttando la potenza della dieta chetogenica, riducendo i rischi per la salute correlati a questa patologia.

In quanto all´attività fisica, includere routine di camminate regolari, giri in bicicletta e nuoto a velocità intermedia aiuterebbero a mantenere una sana forma fisica ed eventualmente diminuire la sintomatologia silente della sindrome, aumentando anche il metabolismo basale.

Putroppo è noto che, se veramente si vuole cambiare stile di vita, è necessaria molta volontà e forte determinazione; deve essere programmato un percorso con il paziente per supportarlo in questo cambiamento di vita che gli regalerà un salute migliore!

dott. Guido Ambria

Biologo Nutrizionista

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram

Per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento, compila il form qui sotto!

CHIAMA ORA!
Close Panel