Gonfiore addominale: perché persiste, le cause e il ruolo del nutrizionista

Gonfiore addominale: perché persiste, le cause e il ruolo del nutrizionista

I contenuti che troverai nell'articolo

Cosa si intende con gonfiore addominale?

Con gonfiore addominale si intende la condizione nella quale il tratto gastrointestinale (GI) si riempie di aria o gas. La maggior parte delle persone descrive il gonfiore come una sensazione di pienezza, tensione o gonfiore nell’addome. Il tuo addome potrebbe anche essere gonfio (disteso), duro e doloroso al tatto.

Il gonfiore addominale è spesso accompagnato da:

 – dolore
 – gas eccessivo (flatulenza)
 – eruttazione frequente o eruttazione
 – brontolio o gorgoglio addominale (borgoritmi)

Il gonfiore addominale può interferire con la capacità di lavorare e partecipare ad attività sociali o ricreative. Può essere imbarazzante anche in famiglia, con il proprio marito o moglie.

 Il gonfiore è comune sia negli adulti che nei bambini.

Perché mi sento sempre gonfia?

Il gas è la causa più comune di gonfiore, soprattutto dopo aver mangiato. Il gas si accumula nel tratto digestivo quando il cibo non digerito viene scomposto o quando si ingoia aria. 

Tutti ingurgitano aria quando mangiano o bevono. Ma alcune persone possono ingurgitare più aria di altre, soprattutto se:

– mangiano o bevono troppo velocemente: è una cosa molto comune in che pranza fuori per lavoro. Il tempo è sempre poco, si mangia in fretta o si parla durante il pasto 

– masticano chewing-gum

– fumano

– utilizzano protesi dentali

Eruttazione e flatulenza sono due modi fisiologici per eliminare l’aria ingurgitata in eccesso

Lo svuotamento ritardato dello stomaco (trasporto lento di gas) oltre all’accumulo di gas può anch’esso causare gonfiore e distensione addominale.

Quali condizioni mediche peggiorano il gonfiore?

Altre cause di gonfiore possono essere dovute ad alcune condizioni mediche. 

Queste includono:

sindrome dell’intestino irritabile (IBS)
– malattie infiammatorie intestinali, come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn
altri disturbi gastrointestinali funzionali (FGID)
– bruciore di stomaco
– intolleranzi alimentari
– aumento di peso
– flusso ormonale (soprattutto per le donne)
– giardiasi (infezione da parassiti intestinali)
– disturbi alimentari come l’anoressia nervosa o la bulimia nervosa
– fattori di salute mentale come stress, ansia, depressione 

Queste condizioni causano fattori che contribuiscono al gas e al gonfiore, come:

– crescita eccessiva o carenza di batteri nel tratto gastrointestinale e quindi disbiosi intestinale
– motilità intestinale alterata
– transito di gas alterato
– riflessi addominali anormali
– ipersensibilità viscerale (sensazione di gonfiore in piccoli o anche normali cambiamenti del corpo)
– malassorbimento di cibo e carboidrati 
– stipsi

Quali patologie possono provocare gonfiore addominale

Il gonfiore addominale può anche essere provocato da diverse patologie serie, tra cui:

– accumulo patologico di liquidi nella cavità addominale (ascite) a seguito di cancro, patologie a carico del fegato, insufficienza renale o insufficienza cardiaca congestizia
celiachia o sensibilità al glutine non celiaca 
– insufficienza pancreatica, nella quale la digestione è compromessa perché il pancreas non può produrre sufficienti enzimi digestivi
– perforazione del tratto gastrointestinale con conseguente fuoriuscita di gas, batteri commensali del tratto gastrointestinale 

Tecniche per eliminare il gonfiore addominale

Alimentazione contro il gonfiore addominale

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è il disturbo digestivo più comune al mondo.

Non ha una causa nota, ma si ritiene che colpisca circa il 14% delle persone, la maggior parte delle quali non sono diagnosticate.

I sintomi comuni includono gonfiore, dolore addominale, flatulenza, diarrea e / o costipazione.

La maggior parte dei pazienti con IBS soffre di gonfiore e circa il 60% di loro segnala il gonfiore come il peggior sintomo, ottenendo un punteggio anche superiore al dolore addominale.

Numerosi studi hanno dimostrato che i carboidrati indigeribili chiamati FODMAP possono esacerbare drasticamente i sintomi nei pazienti con IBS.

È stato dimostrato che una dieta a basso contenuto di FODMAP porta a importanti riduzioni dei sintomi come il gonfiore, almeno nei pazienti con IBS.

Se hai problemi di gonfiore, con o senza altri sintomi digestivi, una dieta a basso contenuto di FODMAP potrebbe essere un buon modo per risolverlo.

Ecco alcuni cibi comuni ad alto contenuto di FODMAP:

– Grano
– Cipolle
– Aglio
– Broccoli
– Cavolo
– Cavolfiore
– Carciofi
– Fagioli
– Mele
– Anguria

Questa dieta può essere difficile da seguire se sei abituato a mangiare molti di questi cibi, ma potrebbe valere la pena provarla se hai gonfiore o altri problemi digestivi.

Rivolgiti al tuo nutrizionista di fiducia e chiedi maggiori informazioni.

Se non ne hai uno e vuoi fissare un appuntamento, contattami!

Stile di vita per migliorare il gonfiore addominale

In molti casi, i sintomi del gonfiore addominale possono essere ridotti o addirittura eliminati adottando alcuni semplici cambiamenti nello stile di vita, come perdere peso, se sei in sovrappeso.

Alcuni lavori hanno dimostrato che chi è in sovrappeso o è obeso ha molte più probabilità di soffrire di gas intestinale e soffrire di sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Per ridurre l’ingestione di troppa aria, puoi:

– Evita le gomme da masticare. La gomma da masticare può farti ingoiare aria extra, che può causare gonfiore

– Limita l’assunzione di bevande gassate.

– Mangia lentamente ed evita di bere con la cannuccia
– Evita di mangiare non prestando attenzione al cibo che hai sul piatto. È stato dimostrato che chi mangia parlando, usando lo smartphone, guardando la tv è distratto dal cibo e pone meno attenzione alla masticazione con la naturale conseguenza di ingurgitare cibo poco masticato che viene successivamente iper-fermentato

Utilizzare i probiotici corretti che possono aiutarti a ripopolare l’intestino.

 La ricerca è sempre più in fermento sull’utilizzo dei probiotici. 

Farmaci contro il gonfiore addominale

Parla con il vostro medico se i cambiamenti dello stile di vita non alleviano il gonfiore addominale. 

Se il tuo medico trova una causa medica per il tuo gonfiore, può raccomandare la corretta terapia farmacologia se necessaria.

Le terapie possono richiedere l’utilizzo di antibiotici, antispastici o antidepressivi, ma dipende sempre dal singolo caso.

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Dott. Guido Ambria
Dott. Guido Ambria

Biologo Nutrizionista e Farmacista. Sono specializzato in disturbi intestinali, microbiota, intolleranze alimentari e dieta chetogenica. Appassionato di Sport , mi occupo anche di Nutrizione per sportivi.

Tutti gli articoli