Dieta per la gastrite

Dieta per la gastrite
I contenuti che troverai nell'articolo

Che cos'è la Gastrite?

La gastrite è un processo infiammatorio molto fastidioso (acuto o cronico) della parete gastrica dello stomaco. Le cause potrebbero essere riconducibili allo stile di vita e alla dieta del paziente. Nel caso in cui non sono originati da infezione di Helicobacter Pylori, un batterio in grado di infettare e colonizzare lo stomaco, oppure nel caso in cui non sono di origine organica.

Quindi dieta e gastrite sono strettamente connesse

I sintomi

I sintomi classici sono acidità, bruciori e crampi allo stomaco, necessità di eruttazioni frequenti e nausea.

Quando i miei pazienti mi riferiscono di aver avvertito bruciore al risveglio, la mia risposta è sempre una domanda: “Cosa hai mangiato la sera precedente?“. Spesso rispondono di aver mangiato “solo un secondo e un contorno” omettendo il classico spuntino del dopocenaNe sai qualcosa anche tu? 😇

A volte sono proprio le abbuffate frequenti di zuccheri e grassi, magari sul divano mentre guardiamo un film o la sera prima di andare a dormire, che costituiscono un fattore di rischio

Questi “spuntini” potrebbero essere considerati a tutti gli effetti un “secondo pasto“. Mi riferisco ad esempio a biscotti, patatine, gelato. Il problema non è mangiare dolci in generale, ma la quantità. Succede spesso che mangiamo 15-20 biscotti o finiamo l’intera vaschetta di gelato senza rendercene conto. La moderazione è sempre la via maestra, non esagerate!🙂

Cosa fare prima di iniziare la dieta

cosa fare prima di iniziare dieta

Proprio perché la gastrite può essere causata da sbagliate abitudini alimentari, ancor prima della dieta, si possono seguire alcuni semplici indicazioni. Per le forme più lievi, ad esempio, può essere sufficiente un pò di risposo e una dieta leggera.

Con alcuni accorgimenti sulle nostre abitudini si possono già raggiungere buoni risultati:

    • Mangia lentamente e non parlare durante il pasto
      può sembrare una sciocchezza ma è importantissimo, durante il pranzo o la cena, godersi il momento del pasto provando a non concentrare i tuoi sforzi nel parlare tra un rapido boccone e l’altro. Una corretta masticazione rende più agevole la digestione e riduce i tempi di permanenza gastrica del cibo. Cerca inoltre di non pensare a cose che ti preoccupano ed evita di fare telefonate se potenzialmente concitate dal punto di vista emotivo. Prenditi il tuo momento, mangia con tranquillità e senza pensieri! 🙂
    • Evita pasti abbondanti (specie alla sera)
      mantieni il più possibile orari regolari e non saltare o ritardare eccessivamente i pasti. Una buona abitudine è fare uno spuntino a metà mattina e uno nel pomeriggio, per tamponare l’acidità di stomaco ed evitare quindi che aumenti troppo.

Se tra le tue abitudini rientra il digiuno prolungato e pasti abbondanti la sera, fermati. Non è mai una buona idea, soprattutto prima del riposo.

La dieta consigliata per la Gastrite

Dobbiamo iniziare da una scelta consapevole degli alimenti e smettere di mangiare con orari irregolari. Il cibo è il nostro grande rifugio quando attraversiamo periodi di stress eccessivo e questo provoca spesso ulteriori problemi secondari. Bisogna spezzare il circolo vizioso che in determinate situazioni si crea con il cibo e imparare a darsi dei limiti.

Cosa evitare

cibo spazzatura

Lo so già cosa ti starai chiedendo. Si, hai capito bene: tutto quello che vedi nella foto qui sopra è assolutamente da evitare.

  • Evita un’alimentazione troppo ricca di grassi e proteine 
  • Evita un’alimentazione povera o priva di carboidrati
  • Evita , caffè e bevande gassate. Consiglio di sostituirli con una tisana. Bevila ad esempio dopo cena prima di andare a letto.
  • Elimina completamente alcool e fumo

Cosa mangiare

Le informazioni contenute in questo articolo sono indicazioni generali che potete seguire nei casi lievi di gastrite.

Negli altri casi è necessario affidarsi ad un Professionista. Per essere in grado di dare consigli su cosa mangiare è opportuno valutare il caso specifico del paziente che, dopo aver effettuato una visita, verrà seguito in un percorso alimentare. 

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Dott. Guido Ambria
Dott. Guido Ambria

Biologo Nutrizionista e Farmacista. Sono specializzato in disturbi intestinali, microbiota, intolleranze alimentari e dieta chetogenica. Appassionato di Sport , mi occupo anche di Nutrizione per sportivi.

Tutti gli articoli
Per prenotare una consulenza nutrizionale o una visita

La dieta anti-endometriosi esiste?

La dieta anti-endometriosi esiste?