Cosa mangiare prima e dopo l’assunzione dell’antibiotico

Cosa mangiare prima e dopo l’assunzione dell’antibiotico

Per combattere le infezioni è di estrema importanza l’utilizzo degli antibiotici, rigorosamente prescritti dal medico. Il problema è che oggi se ne fa largo impiego, anche quando non è assolutamente necessario.

Hai mal di gola? O la tosse? Prendi l’antibiotico. Ma hai mai pensato all’effetto che questi farmaci hanno sulla salute del tuo intestino? 

Oltre ad uccidere "i batteri cattivi”, l’antibiotico ad ampio spettro uccide anche “i batteri buoni” riducendo la biodiversità del tuo microbiota. Recenti studi hanno dimostrato che l'alterazione della biodiversità del microbiota, provocata dall’assunzione di antibiotici, necessita fino a 12 mesi per essere ripristinata.

I miei pazienti mi chiedono sempre come fare per limitare i danni provocati dalla terapia antibiotica. Ecco alcuni consigli pratici.

Le due regole fondamentali da seguire

  1. Assumi un PROBIOTICO durante tutta la terapia antibiotica. Ricorda di prenderlo distante dall’antibiotico almeno di 2-3 ore e a stomaco pieno. Altrimenti i “batteri buoni” verranno eliminati e l’assunzione sarà inutile. Evidenze dimostrano che chi assume probiotici specifici durante l’assunzione di antibiotici ha un bassissimo rischio di avere disturbi intestinali (come la diarrea). 
  2. Assumi un PROBIOTICO dopo la terapia antibiotica. Scegli un prodotto che apporti batteri vivi, vitali e in grado di riprodursi. NON TINDALIZZATI. Assumilo almeno per le 2-3 settimane successive alla fine della terapia.

Cosa mangiare

fichi alimenti consigliati per antibiotico

Mangia alimenti freschi e di stagione. Anche se dovrebbe essere una regola sempre valida, durante la terapia antibiotica è bene preoccuparsene maggiormente. 

Alcuni dei cibi che dovresti consumare sono: 

  • cereali integrali (a colazione hai mai provato il porridge?)
  • frutta e verdura (banane, carciofi, sedano, mele, fichi, mirtilli, avocado..)
  • frutta a guscio (mandorle, nocciole, noci, pistacchi..)
  • legumi (lenticchie, ceci, piselli..)
  • alimenti fermentati (yogurt, kefir, formaggi erborinati..)
Ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Dott. Guido Ambria
Dott. Guido Ambria

Biologo Nutrizionista e Farmacista. Sono specializzato in disturbi intestinali, microbiota, intolleranze alimentari e dieta chetogenica. Appassionato di Sport , mi occupo anche di Nutrizione per sportivi.

Tutti gli articoli
Per prenotare una consulenza nutrizionale o una visita